Vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc


Il Teroldego Rotaliano Doc è un vino rosso da pasto prodotto nelle tipologie Rosso, Rosato e Superiore (quest'ultimo dopo due anni di invecchiamento obbligatorio viene denominato Riserva)
E' un vino tipico della regione Trentino Alto-Adige, prodotto in provincia di Trento. Il Teroldego Rotaliano Doc nelle tipologie Rosso, Rosato e Superiore è prodotto con uve del vitigno Teroldego
Il Campo Rotaliano, in comune di Mezzolombardo e Mezzocorona, con una frangia di San Michele all'Adige, è la tradizionale zona esclusiva di produzione di questo vigoroso rosso, il più possente fra i vini trentini. E' un grande vino da arrosti di carni rosse ma esalta anche i brasati e gli umidi in genere. Da proporre, inoltre, con la cacciagione e la selvaggina da pelo arrostite o in salmi.
Il Teroldego Rotaliano Doc, prodotto nelle tipologie Rosso, Rosato e Superiore, prende il nome dall'omonimo vitigno originario della provincia di Trento, anche se la coltivazione si sta estendendo ad altre province italiane. Battezzato, ancora prima di ottenere la Doc, vino principe del Trentino, il Teroldego Rotaliano è citato dal Mariani nelle cronache del Concilio di Trento del 1673. Ma, secondo i reperti rinvenuti nella zona, il vitigno Teroldego era già coltivato nel 200 d.C. L'origine del nome sembra derivi dall'appellativo 'Tiroler Gold', oro del Tirolo, attribuitogli sotto l'Impero austro-ungarico.

Caratteristiche del vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: rosato
Profumo: caratteristico, fruttato, persistente
Sapore: asciutto, sapido, con gusto di mandorla, un po' amarognolo
Uve utilizzate: Teroldego
Invecchiamento: 2 anni il riserva
Tenore alcolico: 11,5° 12° il superiore
Temperatura di servizio: 12 - 14 °C

Proprieta' organolettiche del vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc

Il Teroldego Rotaliano Rosso ha colore rosso rubino piuttosto intenso, talora con riflessi violacei; odore caratteristico, gradevolmente fruttato e particolarmente intenso; il sapore è asciutto, sapido, leggermente amarognolo, di corpo e con lieve gusto di mandorla; la gradazione minima è di 11,5 gradi; il Teroldego Rotaliano Rosato ha colore rosato tendente al granato, odore caratteristico e gradevolmente fruttato; il sapore è asciutto, sapido, leggermente amarognolo e con lieve gusto di mandorla; la gradazione minima è di 11,5 gradi; la versione Superiore presenta colore rosso rubino tendente al rosso mattone, odore gradevole ed etereo, sapore asciutto, armonico, sapido, pieno, con piacevole retrogusto amarognolo; la gradazione minima è di 12 gradi

Zona di produzione del vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc

La zona di produzione del Teroldego Rotaliano Doc comprende la porzione del Campo Rotaliano, ricadente nei comuni di Mezzolombardo, Mezzocorona e nella frazione di Grumo del comune di San Michele all'Adige, in provincia di Trento.

Abbinamenti di cibo al vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc

Il vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc e' un vino rosato che si abbina bene con Secondi di carne suina ed in particolare Arista di maiale al forno.
Il Teroldego Rotaliano Doc nella versione Rosso va servito in calici ballon a 16-18 gradi di temperatura. Si abbina bene a preparazioni strutturate come carni rosse con salse brune, selvaggina al forno e in salmì, formaggi stagionati, polenta di patate, lepre alla trentina e camoscio alla tirolese. Il periodo ottimale per il consumo del Teroldego Rotaliano è nell'arco dei due -tre anni dopo la vendemmia. Il Teroldego Rotaliano nella versione Rosato deve essere servito alla temperatura di 13-14 gradi in calici di media capacità a tulipano ampio. Si accompagna bene a salame, würstel, pancetta affumicata, pasticcio di maccheroni e minestra d'orzo. La tipologia Superiore si abbina a Grana padano stagionato, Puzzone di Moena, salame casalingo e camoscio alla tirolese. Va servito in calici ballon a 16-18 gradi di temperatura.

Etichetta del vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc

Il vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Teroldego Rotaliano Rosato Doc

La Doc Teroldego Rotaliano è stata riconosciuta con DPR del 18.02.1971 pubblicato sulla GU del 3.06.1971

Commenti