Vino Eloro Frappato Doc


La Doc Eloro è disponibile nelle versioni Rosso, Rosato, Frappato, Nero d'Avola, Pachino e Pignatello
E' un vino tipico della regione Sicilia, prodotto in provincia di Siracusa, Ragusa. L'Eloro Doc nelle tipologie Rosso e Rosato si ottiene da uve Nero d'Avola, Pignatello, Frappato, congiuntamente o disgiuntamente in percentuale non inferiore al 90%; l'Eloro Doc Pachino si ottiene per almeno l'80% da uve del vitigno Nero d'Avola e per il restante 20% da uve Frappato e/o Pignatello; l'Eloro Doc Frappato e Nero d'Avola deriva per almeno il 90% da uve degli omonimi vitigni, mentre l'Eloro Doc Pignatello prevede l'impiego di uve del corrispondente vitigno in misura non inferiore all'80%

L'Eloro Doc prende il nome dalla cittadina di Eloro, in provincia di Siracusa, uno degli spunti panoramici più belli dell'intero litorale del Golfo di Noto, nonché sito archeologico di rilievo per le importanti testimonianze della civiltà greca. A dare un notevole impulso alla viticoltura locale furono proprio i coloni Greci che in provincia di Siracusa producevano un vino pregiato detto Pollio. L'Eloro Doc viene prodotto nelle tipologie Rosso, Rosato, Frappato, Nero d'Avola, Pachino, Pignatello.

Caratteristiche del vino Eloro Frappato Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore:
Profumo:
Sapore:
Uve utilizzate: Frappato
Invecchiamento:
Tenore alcolico:
Temperatura di servizio:

Proprieta' organolettiche del vino Eloro Frappato Doc

Il Rosso presenta un colore rosso rubino talvolta con riflessi violetti e granati e un profumo franco, robusto, leggermente etereo. All'esame gustativo risulta contraddistinto da un sapore sapido, giustamente tannico con retrogusto notevolmente asciutto, amarognolo e leggermente fresco. La gradazione minima è di 12 gradi. L'Eloro Doc Rosato si presenta con un colore rosa grigio (occhio di pernice) più o meno intenso, con riflessi granati. Il suo profumo è delicato, con aroma di frutta e il sapore è fruttato, caratteristico, vellutato, leggermente acidulo. La gradazione minima è di 11,5 gradi. L'Eloro Doc Pachino evidenzia all'esame visivo un colore rosso rubino, granato intenso con riflessi rosso mattone dopo l'invecchiamento. Si caratterizza per un profumo intenso, muschiato, generoso e un sapore robusto, tannico, con retrogusto vellutato. La gradazione minima è di 12,5 gradi

Zona di produzione del vino Eloro Frappato Doc

L'area di produzione interessa parte del territorio dei comuni di Noto, Pachino, Portopalo di Capo Passero e Rosolini, in provincia di Siracusa e il comune di Ispica in provincia di Ragusa.

Abbinamenti di cibo al vino Eloro Frappato Doc

Il vino Eloro Frappato Doc e' un vino rosso che si abbina bene con Secondi di carne ovina e caprina ed in particolare Capretto al forno.
L'Eloro Doc Rosso si accompagna a secondi di carne e selvaggina e va servito in calici ballon a una temperatura di 18-20°C. L'Eloro Doc Rosato si abbina bene con primi piatti, carni bianche, frittate e torte di verdura. Si consiglia di servirlo in calici ampi e aperti a una temperatura di 14-16°C. L'Eloro Doc Pachino va degustato assieme a secondi di carne importanti e cacciagione, in calici ballon a 18-20°C.

Etichetta del vino Eloro Frappato Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Eloro Frappato Doc

Il vino Eloro Frappato Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Eloro Frappato Doc

La Doc Eloro è stata riconosciuta con DM del 03.10.1994 pubblicato sulla GU dell'11.10.1994

Commenti