Vino Contea di Sclafani Doc


La Doc Contea di Sclafani è disponibile nelle versioni Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Catarratto, Chardonnay, Grecanico, Grillo, Pinot Bianco, Nerello Mascalese, Sauvignon, Cabernet Sauvignon, Merlot, Nero d'Avola, Perrione, Pinot nero, Sangiovese, Syrah, Dolce, Dolce Vendemmia Tardiva, Novello
E' un vino tipico della regione Sicilia, prodotto in provincia di Palermo, Caltanissetta, Agrigento. Il Contea di Sclafani Bianco si ottiene da uve Catarratto, Inzolia, Grecanico congiuntamente o disgiuntamente in percentuale minima del 50%; il Contea di Sclafani Rosso si ottiene da uve Nero d'Avola e Perricone, congiuntamente o disgiuntamente per almeno il 50%; il Contea di Sclafani Rosato prevede l'impiego di uve Nerello Mascalese in percentuale minima del 50%. Possono concorrere alla produzione di detti vini, per la restante percentuale, le uve di altri vitigni delle province di Palermo, Agrigento e Caltanissetta. I monovarietali bianchi Ansonica, Inzolia, Catarratto, Chardonnay, Grecanico, Grillo, Pinot Bianco, Sauvignon e i monovarietali rossi Cabernet Sauvignon, Merlot, Nerello Mascalese, Nero d'Avola, Pinot Nero, Syrah, Calabrese, Perricone e Sangiovese sono ottenuti dalle uve dei corrispondenti vitigni per almeno l'85%

Il Contea di Sclafani Doc prende il nome dal comune di Sclafani Bagni che è anche fulcro della zona di produzione di questa Doc. Secondo la tradizione il nome Sclafani deriva dal greco Esculapifanum, che significa ''sacro ad Esculapio'', forse per la presenza sul posto di un tempio dedicato a questo dio. E l'origine di questo vino potrebbe essere effettivamente greca, come confermano alcuni importanti ritrovamenti. La Doc comprende le seguenti tipologie: Bianco, Rosso, Rosato, Ansonica, Catarratto, Chardonnay, Grecanico, Grillo, Pinot Bianco, Nerello Mascalese, Sauvignon, Cabernet Sauvignon, Merlot, Nero d'Avola, Perrione, Pinot nero, Sangiovese, Syrah, Dolce, Dolce vendemmia tardiva, Novello.

Caratteristiche del vino Contea di Sclafani Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino:
Colore:
Profumo:
Sapore:
Uve utilizzate:
Invecchiamento:
Tenore alcolico:
Temperatura di servizio:

Proprieta' organolettiche del vino Contea di Sclafani Doc

Il Contea di Sclafani Bianco all'esame visivo si presenta di colore giallo paglierino più o meno intenso talvolta con riflessi verdognoli. Ha profumo gradevole, fine ed elegante e sapore armonico, delicato, gustoso e sapido. La gradazione alcolica minima è di 10,5 gradi. Il Contea di Sclafani Rosso presenta un colore rosso rubino più o meno intenso con eventuali riflessi violacei. Il suo profumo risulta gradevole, fine, vinoso e il sapore risulta asciutto armonico, ricco di struttura. La gradazione minima è di 11 gradi. Il Contea di Sclafani Rosato presenta invece un colore rosato tenue, un profumo gradevole, fine, fruttato e fragrante e all'esame gustativo risulta delicato, armonico, fresco e vivace. La gradazione minima è di 10,5 gradi

Zona di produzione del vino Contea di Sclafani Doc

Si estende, in provincia di Palermo, all'intero territorio dei comuni di Valledolmo, Caltavuturo, Alia e Sclafani Bagni e parte del territorio dei comuni di Petralia Sottana, Castellana Sicula, Castronovo di Sicilia, Cerda, Aliminusa, Montemaggiore Belsito e Polizzi Generosa; in provincia di Caltanissetta comprende l'intero territorio dei comuni di Vallelunga Pratameno e Villalba e parte del territorio del comune di Cammarata in provincia di Agrigento.

Abbinamenti di cibo al vino Contea di Sclafani Doc

Il vino Contea di Sclafani Doc e' un vino bianco che si abbina bene con ed in particolare .
Il Contea di Sclafani Bianco e i vini monovarietali bianchi rientranti in questa Doc si abbinano ad antipasti, piatti a base di pesce e a base di uova e vanno serviti a una temperatura di 8-12 °C in calici svasati. La versione Rosso e i vini monovarietali rossi vanno degustati assieme a preparazioni abbastanza strutturate, in particolare secondi di carne, grigliate, salumi piccanti e cacciagione e vanno serviti a una temperatura di 16 -18 °C in calici ballon, mentre la versione Rosato si accompagna bene con salumi, secondi di carne, verdure e formaggi freschi e va servito in calici ampi a una temperatura di 12-14 °C. Il Contea di Sclafani Spumante Bianco o Rosato si sposa perfettamente con ostriche e antipasti di pesce e si consiglia di servirlo a una temperatura di 8-10°C in bicchieri flûte. La tipologia Dolce e Dolce Vendemmia tardiva va servito a fine pasto in calici piccoli a 12-14°C. Il Novello infine va abbinato con primi, carni bianche, torte di verdura, salumi e formaggi freschi, servito in calici allungati a una temperatura di 14 -16 C°.

Etichetta del vino Contea di Sclafani Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Contea di Sclafani Doc

Il vino Contea di Sclafani Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Contea di Sclafani Doc

La Doc Contea di Sclafani è stata riconosciuta con DM 21.08.1996 pubblicato sulla GU n. 202 del 29.08.1996

Commenti