Vino Mandrolisai Rosato Doc


Il Mandrolisai Doc è un vino da pasto prodotto nelle versioni Rosso e Rosato
E' un vino tipico della regione Sardegna, prodotto in provincia di Nuoro. Si ottiene per il 35% con uve di vitigni Bovale sardo, a cui si aggiungono Cannonau e Monica, ciascuno per una quota rispettiva che va dal 20 al 35%. Possono concorrere anche uve di vitigni raccomandati nelle province di Nuoro e Oristano fino a un massimo del 10%
La zona di produzione comprende Ortueri, Atzara, Sorgono, Tonara, Desuolo, Meana, Sardo nel Nuorese e Samugheo (in provincia di Oristano). Da giovane è un vino da tutto pasto per portate di cucina regionale, il superiore è adatto a piatti di mezzo impegnativi a base di carni selezionate e gustosi formaggi, specie ovini.
La Doc Mandrolisai prende il nome dalla regione in cui viene prodotta. È al centro della Sardegna, fra il Gennargentu e la Barbagia, infatti, che il vitigno Bovale sardo, da cui deriva il Mandrolisai Doc, ha trovato il suo habitat ideale. Introdotto in Sardegna dagli Aragonesi, il vitigno fu distrutto dall'epidemia di fillossera nella seconda metà dell'Ottocento, ma, grazie alla sua capacità di adattarsi a qualunque clima e terreno, ha recuperato la sua naturale abbondante produttività. Il Mandrolisai Doc è presente nelle tipologie Rosso e Rosato.

Caratteristiche del vino Mandrolisai Rosato Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: rosato
Profumo: vinoso, gradevole, persistente
Sapore: asciutto, sapido, pieno
Uve utilizzate: Cannonau, Monica, Bovale
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 11,5°
Temperatura di servizio: 18°C

Proprieta' organolettiche del vino Mandrolisai Rosato Doc

All'esame visivo il Mandrolisai Doc Rosso si presenta di colore rosso rubino tendente al rosso arancione con l'invecchiamento. Ha odore vinoso, con profumo caratteristico e gradevole. Il sapore è asciutto, sapido, con retrogusto amarognolo. La gradazione minima è di 11,5 gradi. La versione Rosato ha colore rosato tendente al cerasuolo. Ha odore vinoso e profumo caratteristico e gradevole, sapore asciutto, sapido, con retrogusto gradevolmente amarognolo, armonico, vellutato e caratteristico. La gradazione alcolica è di 11,5 gradi

Zona di produzione del vino Mandrolisai Rosato Doc

Comprende, nel territorio del Mandrolisai, l'intero territorio amministrativo dei comuni di Ortueri, Atzara, Sorgono, Tonara, Desulo e Meana Sardo, in provincia di Nuoro, e il comune di Samugheo, in provincia di Oristano.

Abbinamenti di cibo al vino Mandrolisai Rosato Doc

Il vino Mandrolisai Rosato Doc e' un vino rosato che si abbina bene con Antipasti ed in particolare Antipasti di salumi.
Il Mandrolisai Doc Rosso va abbinato ad antipasti di salumi molto saporiti, primi piatti al ragù di carni saporite, grigliate di carni suine e maialetti allo spiedo alla sarda. Va degustato in calici bordolesi, a una temperatura di 16 -18°C. La versione Rosato è ottima con antipasti saporiti, zuppe di verdura e legumi, carni bianche stufate, zuppe di pesce speziate, piatti a base di uova. Il calice consigliato è quello di media capacità a tulipano ampio, la temperatura di servizio è di 13-14°C.

Etichetta del vino Mandrolisai Rosato Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Mandrolisai Rosato Doc

Il vino Mandrolisai Rosato Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Mandrolisai Rosato Doc

Il riconoscimento della Doc Mandrolisai è avvenuto con DPR del 6.06.1981, pubblicato sulla GU 44 del 15.02.1982

Commenti