Vino Orta Nova Rosso Doc


L'Orta Nova Doc è un vino da pasto prodotto nelle versioni Rosso e Rosato
E' un vino tipico della regione Puglia, prodotto in provincia di Foggia. Si ottiene dalla vinificazione di uve provenienti da vitigni Sangiovese per un minimo del 60%, Uva di Troia e Montepulciano per il 30-40%, Lambrusco Maestri e Trebbiano toscano per un massimo del 10%
Oltre a Orta e Ordona, la zona di produzione comprende parte di Ascoli Satriano, Carapelle, Foggia e Manfredonia nel Foggiano. Il Sangiovese predomina nell'uvaggio (fino al 100%). E' un buon vino da tutto pasto, indicato con antipasti di salumi saporiti, minestre corpose, ogni tipo di carni con vari intingoli.
Prodotto in due diverse tipologie, il Rosso e il Rosato, l'Orta Nova Doc prende il nome da un comune situato nella provincia di Foggia. Si ottiene principalmente da un vitigno originario della Toscana, il Sangiovese, che in entrambe le tipologie, Sangiovese grosso e Sangiovese piccolo, viene associato ad altre varietà di uve nere. L'Uva di Troia, altro vitigno impiegato per la produzione dell'Orta Nova Doc, prende il nome da un comune in provincia di Foggia e viene detto anche 'Uva della Marina', perché coltivato con buoni risultati lungo il litorale a nord di Bari.

Caratteristiche del vino Orta Nova Rosso Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: rosso rubino
Profumo: vinoso, gradevole
Sapore: rosso rubino limpido
Uve utilizzate: Sangiovese
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 11,5°
Temperatura di servizio: 18°C

Proprieta' organolettiche del vino Orta Nova Rosso Doc

All'esame visivo l'Orta Nova Doc Rosso si presenta di colore rosso rubino tendente al granata. Ha profumo abbastanza intenso e quasi persistente, vinoso, fruttato, floreale con sentori di marasca e violetta. All'esame gustativo risulta secco, caldo, poco morbido, giustamente tannico, quasi sapido, di corpo e abbastanza equilibrato. L'Orta Nova Doc Rosato ha colore rosato più o meno intenso, odore leggermente vinoso, gradevole, fruttato se giovane, sapore asciutto, armonico, fresco se giovane. La gradazione alcolica minima è di 11,5°C per il Rosato e di 12°C per il Rosso

Zona di produzione del vino Orta Nova Rosso Doc

Comprende, in provincia di Foggia, tutto il territorio amministrativo dei comuni di Orta Nova e Ordina e la parte idonea dei territori dei comuni di Ascoli Satriano, Carapelle, Foggia e Manfredonia.

Abbinamenti di cibo al vino Orta Nova Rosso Doc

Il vino Orta Nova Rosso Doc e' un vino rosso che si abbina bene con Secondi di carne suina ed in particolare Carni di maiale arrostite.
L'Orta Nova Doc Rosso si abbina a preparazioni abbastanza strutturate, come primi piatti con ragù di carne, grigliate di carni suine, maiale allo spiedo, carni in umido e carni rosse alla griglia. Va servito a una temperatura di 16-18°C in calici per vini rossi di corpo; si può consumare nell'arco dei tre anni successivi alla vendemmia. L'Orta Nova Doc Rosato va degustato con salumi piccanti, pollame e coniglio al forno o in umido, carni alla griglia, formaggi ovini stagionati. La temperatura ottimale di servizio è di 12-14°C e va servito in calici per vini rosati morbidi.

Etichetta del vino Orta Nova Rosso Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Orta Nova Rosso Doc

Il vino Orta Nova Rosso Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Orta Nova Rosso Doc

La Doc Orta Nova è stata riconosciuta con DPR del 26. 04.1984, pubblicato sulla GU del 04.10.1984

Commenti