Vino Sizzano Doc


Il Sizzano Doc è un vino rosso da pasto
E' un vino tipico della regione Piemonte, prodotto in provincia di Novara. Si ottiene da uve di Nebbiolo, in percentuale dal 40 al 60%, di Vespolina, dal 15 al 40%, e di Bonarda novarese (Uva rara) fino a un massimo del 25%
Vitigni: Nebbiolo e Vespolina a Bonarda E' questo un altro tipico rosso della zona dei Colli Novaresi, realizzato con un uvaggio tradizionale, con il Nebbiolo (Spanna) con base (fino al 60%). Come tutti i buoni rossi invecchiati, predilige le carni rosse , la cacciagione e la selvaggina. Ottimo con i formaggi a pasta dura ben invecchiati
Il riconoscimento della denominazione di origine controllata Sizzano ha dato notevole impulso alla produzione di questo vino, già conosciuto nel XIV secolo. Furono i monaci benedettini i primi a occuparsi, nei territori di produzione di questa Doc, della coltivazione dei vitigni da cui si ottiene il Sizzano. Successivamente la proprietà dei vigneti passò in mano ai frati dell'ordine degli Umiliati e infine alle case nobiliari piemontesi che accrebbero la fama del Sizzano fino a farne un vino paragonato ai più pregiati vini francesi.

Caratteristiche del vino Sizzano Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: rosso rubino con riflessi granata
Profumo: fine e gradevole di violetta
Sapore: asciutto, armonico sapido
Uve utilizzate: Nebbiolo, Vespolina
Invecchiamento: 3 anni
Tenore alcolico: 12°
Temperatura di servizio: 18 °C

Proprieta' organolettiche del vino Sizzano Doc

All'esame visivo il Sizzano Doc si presenta di colore rosso rubino con riflessi granato; il profumo è vinoso, con sentori di violetta, fine e gradevole; il sapore è asciutto, sapido e armonico. La gradazione alcolica minima è di 12 gradi

Zona di produzione del vino Sizzano Doc

Comprende l'intero territorio del comune di Sizzano, in provincia di Novara.

Abbinamenti di cibo al vino Sizzano Doc

Il vino Sizzano Doc e' un vino rosso che si abbina bene con Secondi di carne bovina ed in particolare Carni bovine rosse arrostite.
Il Sizzano Doc va abbinato ad arrosti di carne rossa, cacciagione, selvaggina e formaggi stagionati. Viene servito in calici a 'ballon' a una temperatura di 18°C. Il periodo ottimale di consumo è tra il quarto e il decimo anno dalla vendemmia.

Etichetta del vino Sizzano Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Sizzano Doc

Il vino Sizzano Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Sizzano Doc

La Doc Sizzano è stata riconosciuta con DPR del 18.07.1969, pubblicato sulla GU 225 del 04.09.1969

Commenti