Vino Loazzolo Doc


Il Loazzolo Doc è un vino da dessert
E' un vino tipico della regione Piemonte, prodotto in provincia di Asti. Si ottiene esclusivamente da uve del vitigno Moscato bianco

Il Loazzolo Doc viene prodotto nella provincia di Asti con uve del vitigno Moscato bianco. Nonostante il clima di tipo continentale, con forti escursioni termiche fra estate e inverno, la zona dell'astigiano è quella che dà il maggiore contributo produttivo in termini di uva. Data la varietà dei terreni, inoltre, l'area accoglie vitigni di diverso tipo, dal Cortese al Grignolino, al Freisa, al Barbera, al Brachetto, alla Malvasia e all'aromatico Moscato.

Caratteristiche del vino Loazzolo Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Dolce fermo
Colore:
Profumo:
Sapore:
Uve utilizzate: Moscato Bianco
Invecchiamento:
Tenore alcolico:
Temperatura di servizio:

Proprieta' organolettiche del vino Loazzolo Doc

All'esame visivo il Loazzolo Doc si presenta di colore giallo dorato brillante; l'odore è complesso, intenso con sentori di muschio e di vaniglia, frutti canditi. Ha sapore dolce, caratteristico con lieve aroma di moscato. La gradazione alcolica minima è di 15,5 gradi

Zona di produzione del vino Loazzolo Doc

Comprende l'intero territorio del comune di Loazzolo, in provincia di Asti.

Abbinamenti di cibo al vino Loazzolo Doc

Il vino Loazzolo Doc e' un vino bianco che si abbina bene con Dessert ed in particolare Amaretti.
Il Loazzolo Doc è ottimo con dolci a pasta non lievitata, consistenti, pasticceria secca, torta di nocciole, semifreddo al torrone e dolci di vari tipi. Si accompagna anche con formaggi molto stagionati. Va servito in calici a tulipano per vini dolci passiti-liquorosi a una temperatura di 12-14°C, preferibilmente dopo quattro-cinque anni dalla vendemmia.

Etichetta del vino Loazzolo Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche;

Reperibilita' sul mercato del vino Loazzolo Doc

Il vino Loazzolo Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Loazzolo Doc

La Doc Loazzolo è stata riconosciuta con DPR del 14.04.1992, pubblicato sulla GU del 27.04.1992

Commenti