Vino Grignolino d'Asti Doc


Il Grignolino d'Asti Doc è un vino da pasto
E' un vino tipico della regione Piemonte, prodotto in provincia di Asti. Si ottiene da uve di vitigno Grignolino, ma possono concorrere anche uve provenienti dal vitigno Freisa fino a un massimo del 10%
Probabilmente il nome di questo vino, uno dei prediletti dai piemontesi, deriva da grignola, che in gergo contadino significa vinacciolo. Prodotto in una trentina di comuni dell'Astigiano, è particolarmente rinomato se proviene da Portocomaro, Moncalvo e Grazzano Badoglio. Possono concorrere alla produzione anche uve Freisa, fino a un massimo del 10%. Vino assai fine, da tutto pasto, è specialmente indicato con gli antipasti misti alla piemontese, le minestre asciutte o in brodocorpose e sapide, il pollame scelto arrostito o salsato, il fritto misto e altre tipiche pietanze regionali.
Il Grignolino d'Asti si ottiene dal vitigno Grignolino, diffuso nei colli fra Asti e Casale. Inizialmente l'area di coltivazione era più estesa di quella attuale, ma la diffusione delle malattie della vite ebbe come conseguenza la riduzione delle zone di coltura. Fra le ipotesi sull'origine del nome del vitigno, le più accreditate sono quella secondo cui Grignolino deriverebbe da 'grignole', i semi dell'uva in dialetto piemontese, e quella che fa derivare il nome da 'grignare', termine dialettale astigiano, che significa 'ridere'.

Caratteristiche del vino Grignolino d'Asti Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: rosso rubino tenue
Profumo: gradevole, persistente e delicato, ricorda i fiori di campo
Sapore: asciutto, un po' tannico, retrogusto piacevolmente amarognolo
Uve utilizzate: Grignolino
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 11°
Temperatura di servizio: 15 - 16 °C

Proprieta' organolettiche del vino Grignolino d'Asti Doc

All'esame visivo il Grignolino d'Asti Doc si presenta di colore rosso rubino tenue con riflessi tendenti all'aranciato. L'odore è poco intenso, persistente, fine, fruttato con evidenti sentori di ciliegia, di sottobosco e floreali. Il gusto è secco, abbastanza caldo, poco morbido e altrettanto tannico, di corpo, abbastanza equilibrato, con sensazione finale amarognola. La gradazione alcolica minima deve essere di 11 gradi

Zona di produzione del vino Grignolino d'Asti Doc

Comprende i comuni di Agliano, Antignano, Asti, Casorzo, Castagnole delle Lanze, Castagnole Monferrato, Castello di Annone, Cerro Tanaro, Montaldo Scarampi, Montemagno, Penango, Portacomaro, Revigliasco d'Asti, Rocchetta Tanaro, Scurzolengo, Vigliano d'Asti e Vinchio, tutti in provincia di Asti.

Abbinamenti di cibo al vino Grignolino d'Asti Doc

Il vino Grignolino d'Asti Doc e' un vino rosso che si abbina bene con Primi asciutti ed in particolare Agnolotti alla piemontese.
Il Grignolino d'Asti Doc si sposa bene con antipasti, salumi speziati e grassi, ed è ottimo con risotti e tagliolini in brodo, pesce cucinato alla griglia e condito con olio d'oliva ed erbe aromatiche, torte alle erbe e verdure, carni bianche arrosto. Va servito in calici per vini rossi giovani, a una temperatura di 14-16°C entro un anno dalla vendemmia.

Etichetta del vino Grignolino d'Asti Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche;

Reperibilita' sul mercato del vino Grignolino d'Asti Doc

Il vino Grignolino d'Asti Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Grignolino d'Asti Doc

La Doc Grignolino d'Asti è stata riconosciuta con DPR del 29.05.1973, pubblicato sulla GU 218 del 24.08.1973

Commenti