Vino Verdicchio di Matelica Doc


Il Verdicchio di Matelica è un vino bianco da pasto prodotto anche nelle versioni Spumante, Riserva e Passito
E' un vino tipico della regione Marche, prodotto in provincia di Ancona, Macerata. Il Verdicchio di Matelica si ottiene da uve del vitigno Verdicchio, per un minimo dell'85%; possono concorrere alla produzione di questo vino anche uve provenienti da altri vitigni a bacca bianca della zona, purché in misura non superiore al 15%
La zona di produzione ha come epicentro Matelica e comprende anche altri comuni vicini, tra cui Camerino e Fabriano. Molto piacevole come aperitivo, questo armonico e vigoroso bianco accompagna al meglio quasi tutti gli antipasti, non solo quelli alla marinara. Eccelle con i piatti di pesce della grande cucina ma anche con pollame nobile arrostito e formaggi teneri sia pure piccanti.
Il Verdicchio di Matelica, il vino bianco più caratteristico delle colline maceratesi, si produce in una zona a ridosso della catena appenninica a cavallo tra le province di Macerata e Ancona, con epicentro nella città di Matelica. Tra i suggestivi rilievi che movimentano il paesaggio di queste terre si ergono ogni tanto castelli medievali, costruiti nel periodo compreso tra il XII e il XIV secolo, da cui svettano altissime torri che costituivano un efficiente sistema di segnalazioni lungo tutto il territorio che dal mare Adriatico arriva fino all'alto Appennino. Tra le storie legate a questo vino vi è quella della passione che legava il musicista marchigiano Gioacchino Rossini ai vini della sua terra, tra cui il Verdicchio. Si racconta che in uno dei numerosi banchetti offerti dal compositore venne invitato un marchese il quale fece talmente onore ai piatti e alle bottiglie servite da indurre Rossini a notare come il suo ospite avesse ''onorevolmente disonorato'' il proprio nome. Non si può, inoltre, non menzionare l'altro grande protagonista della storia enogastronomica di Matelica: i ''vincisgrassi'', variazione locale delle più note lasagne, che, nonostante il notevole carico di sapori, riescono a essere accompagnati bene dal Verdicchio di Matelica, vino diverso dal più noto Verdicchio dei Castelli di Jesi per le sfumature di colore, tendenti al verdognolo, e la struttura più vigorosa. Quattro le tipologie previste: Verdicchio di Matelica, Spumante, Riserva, Passito.

Caratteristiche del vino Verdicchio di Matelica Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: paglierino con riflessi verdolini
Profumo: delicato, caratteristico, di fiori di campo
Sapore: asciutto, armonico, sapido, retrogusto piacevolmente amarognolo
Uve utilizzate: Verdicchio
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 12°
Temperatura di servizio: 8 - 12°C

Proprieta' organolettiche del vino Verdicchio di Matelica Doc

Questo vino ha colore giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli. Tende al dorato con la maturazione e volge all'ambrato nel Passito; ha un profumo di frutta non completamente matura, fiori di prato degli altipiani, di sottobosco. Nel Passito diventa etereo e intenso; il gusto è secco, morbido e suadente al primo impatto, volge al fresco con delicata fragranza amara. È armonico e vellutato nel Passito. La gradazione alcolica minima è di 11,5 gradi (12,5 nel Riserva e 15 nel Passito)

Zona di produzione del vino Verdicchio di Matelica Doc

Il Verdicchio di Matelica viene prodotto nella zona collinare che circonda Matelica, in provincia di Macerata e parte del territorio dei comuni di Cerreto d'Esi e Fabriano, in provincia di Ancona.

Abbinamenti di cibo al vino Verdicchio di Matelica Doc

Il vino Verdicchio di Matelica Doc e' un vino bianco che si abbina bene con Secondi di pesce ed in particolare Pesci di mare arrosto e alla griglia.
Il Verdicchio di Matelica viene associato ad antipasti crudi (molluschi bivalvi di varia specie), pesci dalle carni saporite e salsate, primi piatti di pesce; lasagne di mare, risotti di mare, brodetti tipici di pesce. Quando è più maturo, si abbina perfettamente con la sogliola dell'Adriatico e con lo stoccafisso all'anconetana. Viene anche abbinato a salumi della tradizione locale quali il Prosciutto di Carpegna, il Ciauscolo, il salame di Fabriano. Va servito entro due anni dalla vendemmia e a una temperatura di 8-10 °C in un calice di media capacità a tulipano svasato o ampio se più invecchiato (10-12 °C di temperatura).

Etichetta del vino Verdicchio di Matelica Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Verdicchio di Matelica Doc

Il vino Verdicchio di Matelica Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Verdicchio di Matelica Doc

ll riconoscimento della Doc Verdicchio di Matelica è avvenuto con DPR del 21.07.67 modificato dai DPR 5.08.78, 3.05.89 e dal DM del 24.09.92. Infine il DPR 13.09.95 pubblicato sulla GU del 4.10.95 ha sostituito per intero il disciplinare di produzione

Commenti