Vino Vignanello Doc


La Doc Vignanello comprende le tipologie Bianco (anche Abboccato e Superiore) Rosso (anche Novello e Riserva), Rosato e Greco (anche Spumante e Abboccato)
E' un vino tipico della regione Lazio, prodotto in provincia di Viterbo. Il Bianco viene ottenuto da uve Trebbiano giallo e/o Trebbiano toscano per almeno il 60-70%, Malvasia bianca di Candia e/o Malvasia del Chianti per il 20-40% e da altri vitigni a bacca bianca ammessi per la provincia di Viterbo per un massimo del 10%. Per il Greco si impiega il vitigno omonimo per l'85% e altri vitigni a bacca bianca della zona per un massimo del 15%. Il Rosato si produce con uve del vitigno Sangiovese per il 40-60%, Ciliegiolo per il 40-50% e di altri vitigni a bacca rossa della zona ma non oltre il 20%. Il Rosso viene ottenuto con uve Sangiovese per il 40-60%, Ciliegiolo per il 40-50% e da altri vitigni a bacca rossa della zona per un massimo del 20%.

Il Vignanello Doc viene prodotto in alcuni comuni della provincia di Viterbo, nelle tipologie Bianco, Rosso, Rosato e Greco. Il territorio di Vignanello rappresenta il fulcro produttivo di questa denominazione di origine controllata. Si tratta di un'area che rientra nella zona collinare del monte Cimino con terreni di origine vulcanica e un clima mite e favorevole alla coltivazione della vite. È un'area nella quale, oltre a un ambiente naturale attraente, ricadono località di interesse artistico come il borgo medievale di Orte, il Parco dei Mostri di Bomarzo, un complesso monumentale di animali mostruosi e fantastici scolpiti nella roccia, e il caratteristico borgo di Vasanello, dominato dalla mole dello storico Castello Orsini.

Caratteristiche del vino Vignanello Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino:
Colore:
Profumo:
Sapore:
Uve utilizzate:
Invecchiamento:
Tenore alcolico:
Temperatura di servizio:

Proprieta' organolettiche del vino Vignanello Doc

Il Bianco ha colore paglierino più o meno intenso con leggeri riflessi verdognoli; profumo delicato, più o meno fruttato; sapore secco con leggero retrogusto amarognolo, abboccato, fine e delicato e gradazione alcolica minima totale di 10,5 gradi; il tipo ''Superiore' ha gradazione minima di 11,5 gradi. Il Greco è di colore paglierino più o meno intenso; profumo vinoso, gradevole, caratteristico; gusto asciutto, abboccato, di corpo e armonico con leggero retrogusto amarognolo; la gradazione alcolica minima è di 11,5 gradi; viene prodotto anche nella versione ''Spumante''. Il Rosato ha colore rosato più o meno intenso con riflessi violacei; profumo vinoso e delicatamente fruttato; sapore secco, fresco e gradevole e gradazione minima di 11 gradi. Il Rosso ha colore rubino da giovane, tendente al granato se invecchiato; profumo caratteristico e intenso; gusto asciutto, caldo e armonico e gradazione alcolica di 11 gradi; il tipo ''Riserva'' ha una gradazione minima di 12 gradi e deve essere invecchiato almeno 2 anni; il rosso si può produrre anche nella versione ''Novello''

Zona di produzione del vino Vignanello Doc

Il Vignanello Doc viene prodotto nei comuni di Vignanello Vasanello, Bassano in Teverina, Corchiano, Soriano, Fabrica di Roma in provincia di Viterbo.

Abbinamenti di cibo al vino Vignanello Doc

Il vino Vignanello Doc e' un vino bianco che si abbina bene con ed in particolare .
Il Rosso va abbinato a primi piatti piuttosto strutturati, carni rosse alla griglia, Pecorino romano, abbacchio al forno; va servito a 16-18°C, in un calice bordolese entro tre anni dalla vendemmia. Il Bianco si abbina a piatti di pesce azzurro arrosto o in umido, fritture miste, formaggi morbidi e frittate e viene servito a 8-10°C in un calice di media capacità a tulipano svasato, entro un anno dalla vendemmia. Il Rosato è un vino adatto a tutto pasto e viene generalmente associato a salumi, primi piatti con ragù di carni bianche e pomodoro, minestre di paste e legumi, fritti misti tipici della tradizione romana, viene servito in un calice di media capacità a tulipano ampio a una temperatura di 12-14 °C entro due anni dalla vendemmia.

Etichetta del vino Vignanello Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Vignanello Doc

Il vino Vignanello Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Vignanello Doc

Il riconoscimento della Doc 'Vignanello' è avvenuto con DPR 14.11.92 pubblicato sulla GU del 25.11.92 modificato con DM 09.02.94 pubblicato sulla GU del 21.02.94

Commenti