Vino Marino Doc


Il Marino Doc è un vino bianco prodotto anche nelle versioni Superiore, Amabile, Dolce, Spumante e Novello
E' un vino tipico della regione Lazio, prodotto in provincia di Roma. La Doc Marino si produce con uve Malvasia bianca di Candia (localmente nota come Malvasia rossa) per un massimo del 60%, Trebbiano toscano, Trebbiano romagnolo, Trebbiano giallo e Trebbiano di Soave, da soli o congiuntamente per il 25-55% e Malvasia del Lazio (detta anche Malvasia puntinata) in una percentuale che va dal 5 al 45%. Possono concorrere altri vitigni a frutto bianco raccomandati o autorizzati della zona, con eccezione della varietà Moscato, per un massimo del 10%
Vitigni: Malvasia del Lazio e Trebbiano Toscano Interessati alla produzione, oltre l'intero territorio di Marino, anche Roma e Castel Gandolfo. L'uvaggio prevede un massimo del 60% di Malvasia bianca; Trebbiano dal 25 al 55%; Malvasia del Lazio dal 15 al 45%. E' vino elegante da tutto pasto; il superiore accompagna gli antipasti raffinati, le minestre varie, i piatti di pesce e anche carni bianche con salse delicate.
Il Marino Doc è uno dei vini bianchi più noti dei Castelli Romani, prodotto, sin dal Cinquecento, nel comune omonimo, nei territori di Castelgandolfo e in parte di quello di Roma. A Marino, secondo una tradizione antichissima, la prima domenica di ottobre (in piena vendemmia) si svolge la Sagra dell'Uva, nel corso della quale dalla famosa fontana dei Mori sgorga vino, in ricordo dei festeggiamenti effettuati in onore di Marcantonio Colonna quando tornò vittorioso dalla battaglia di Lepanto. L'uvaggio del Marino è simile a quello del Frascati, ma in realtà si tratta di due vini dalle personalità ben distinte. La particolarità del Marino è dovuta anche alla particolare esposizione dei vigneti, tutti orientati verso il mare, in una condizione pedoclimatica che si differenzia nettamente da quella di tutte le altre aree vinicole dei Castelli. Si tratta di un vino più vigoroso, ricco di corpo e intenso, che ben si accompagna con i piatti più saporiti della cucina romana. Si produce anche nelle versioni Superiore, Amabile, Dolce, Spumante e Novello.

Caratteristiche del vino Marino Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: giallo paglierino
Profumo: vinoso delicato, di fiori e frutti
Sapore: secco o anche un po' amabile, fruttato
Uve utilizzate: Malvasia Bianca, Malvasia del Lazio, Trebbiano Toscano
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 11° 11,5° il superiore
Temperatura di servizio: 8 - 12°C 6 - 8°C lo spumante

Proprieta' organolettiche del vino Marino Doc

Si tratta di un bianco dal colore che va dal giallo paglierino al giallo scarico; presenta odore vinoso e delicato; sapore secco o abboccato o amabile o dolce, caratteristico, fruttato. La gradazione minima è di 11 gradi e con una gradazione alcolica minima di 11,5 gradi può portare la qualifica ''Superiore''

Zona di produzione del vino Marino Doc

Il Marino Doc viene prodotto nell'intero territorio del comune di Marino e in parte dei comuni di Roma e di Castelgandolfo in provincia di Roma.

Abbinamenti di cibo al vino Marino Doc

Il vino Marino Doc e' un vino bianco che si abbina bene con Secondi di pesce ed in particolare Anguilla in umido.
Il Marino Doc si abbina ad antipasti saporiti, piatti di pasta con sughi a base di pesce o pomodoro, carciofi alla romana e alla giudia, frittate contadine, fritture e grigliate di pesce azzurro, anguilla in umido e arrosto, spezzatini di vitello, coniglio, pollo e interiora di agnello alla cacciatora nella versione romana (con aceto), fritture di cervella, animelle e verdure; viene servito a 8-10°C, in calici di media capacità a tulipano svasato, entro un anno dalla vendemmia. Il Superiore viene abbinato con antipasti di crostacei, spaghetti alla chitarra con rigaglie di pollo, salumi dolci, cacioricotta e pesci molto saporiti al forno e viene servito a 10-12 C° in un calice per vini bianchi di corpo, entro tre anni dalla vendemmia.

Etichetta del vino Marino Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Marino Doc

Il vino Marino Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Marino Doc

Il riconoscimento della Doc 'Marino' è avvenuto con DPR 06.08.70 pubblicato sulla GU del 03.11.70, modificato dal DPR 19.07.86 pubblicato sulla GU del 24.04.87

Commenti