Vino Genazzano Doc


La Doc Genazzano comprende le tipologie Bianco e Rosso (prodotti anche nelle versioni Amabile e Novello)
E' un vino tipico della regione Lazio, prodotto in provincia di Roma, Frosinone. Il Bianco si ottiene dai vitigni Malvasia di Candia per almeno il 50-70%, Bellone e/o Bombino per il 10-30% e da altri vitigni a bacca bianca della zona per un massimo del 40%. Il Rosso viene prodotto da uve Sangiovese per il 70-90%, Cesanese comune per il 10-30% e da altri vitigni a bacca rossa della zona per un massimo del 20%

Il Genazzano Doc viene prodotto, nelle versioni Bianco e Rosso, in alcuni comuni nelle province di Roma e Frosinone. Si tratta della parte orientale dell'area dei monti Prenestini che si trova all'interno del bacino idrografico dell'alta valle del fiume Sacco. Questa zona settentrionale della Ciociaria è particolarmente vocata alla produzione di vini rossi.

Caratteristiche del vino Genazzano Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino:
Colore:
Profumo:
Sapore:
Uve utilizzate:
Invecchiamento:
Tenore alcolico:
Temperatura di servizio:

Proprieta' organolettiche del vino Genazzano Doc

Il Bianco ha colore bianco paglierino più o meno intenso con riflessi verdognoli; profumo delicato, più o meno fruttato; sapore sapido, vivace, fresco, armonico, talvolta amabile. La gradazione alcolica minima è di 10,5 gradi. Il Rosso è di un rubino brillante, vivace, di media intensità; odore vinoso, fruttato, fragrante, fresco, delicato; sapore vivace, fresco, talvolta amabile. La gradazione minima è di 11 gradi

Zona di produzione del vino Genazzano Doc

Il Genazzano Doc viene prodotto in una zona che comprende per intero il comune di Genazzano e in parte quelli di Olevano Romano, San Vito Romano e Cave in provincia di Roma e Paliano in provincia di Frosinone.

Abbinamenti di cibo al vino Genazzano Doc

Il vino Genazzano Doc e' un vino bianco che si abbina bene con ed in particolare .
Il Genazzano Bianco è spesso utilizzato per antipasti e piatti a base pesce e di uova e viene servito a 8-10°C, in calici di media capacità a tulipano svasato, entro un anno dalla vendemmia. Il Rosso va abbinato a primi piatti piuttosto strutturati, carni sia bianche che rosse alla griglia; va servito a 16-18 °C in calici bordolesi entro due anni dalla vendemmia.

Etichetta del vino Genazzano Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Genazzano Doc

Il vino Genazzano Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Genazzano Doc

Il riconoscimento della Doc 'Genazzano' è avvenuto con DM 26.06.92 pubblicato sulla GU del 09.07.92

Commenti