Vino Cerveteri Bianco Doc


La Doc Cerveteri comprende le seguenti tipologie di vini: Bianco (nelle tipologie Asciutto, Amabile e Frizzante), Rosso (anche Amabile) e Rosato (anche Frizzante)
E' un vino tipico della regione Lazio, prodotto in provincia di Roma, Viterbo. Il Bianco viene prodotto da uve Trebbiano toscano, Romagnolo e giallo per un minimo del 50%, Malvasia di Candia e del Lazio, fino a un massimo del 35%; Tocai, Verdicchio, Bellone e Bombino fino al 15%. Il Cerveteri Rosso si ottiene dai vitigni Sangiovese e Montepulciano per il 60%, Cesanese Comune per il 25%, Canaiolo nero, Carignano e Barbera fino a un massimo del 30%. Il Cerveteri Rosato si ottiene dai vitigni Sangiovese e Montepulciano per il 60%, Cesanese comune per il 25%, Canaiolo nero, Carignano e Barbera fino a un massimo del 30%
Vitigni: romagnolo giallo, Malvasia di Candia e del Lazio Oltre a Cerveteri, la zona di produzione interessa anche Ladispoli, Santa marinella, Civitavecchia, Roma, Tolfa e Tarquinia. Le uve Trebbiano devono essere presenti nell'uvaggio, da sole o congiunte, almeno per il 50%. E' un vino da tutto pasto, buon aperitivo, adatto agli antipasti misti, aalle minestre, ai piatti di mezzo a base di pesceo anche di carni bianche lessate o arrostite.
Nell'antica zona etrusca (famosa per le sue necropoli), punta settentrionale della provincia di Roma, si produce da sempre il vino Cerveteri, bianco, rosso e rosato. La ricca documentazione archeologica e artistica dimostra l'importanza che la vite e il vino ebbero in questa zona per gli Etruschi, che adottarono ovunque il sistema di allevamento della 'vite maritata', cioè coltivata appoggiata a sostegni, pratica colturale ancora oggi ampiamente diffusa in molte regioni dell'Italia centrale. I vigneti, introdotti negli anni '60 e '70 con impianto a tendone, per effetto della contrazione dei consumi e della ricerca di prodotti di più elevata qualità, sono stati sostituiti, fin dai primi anni '80, con sistemi di allevamento meno produttivi ma in grado di dare risultati qualitativi migliori.

Caratteristiche del vino Cerveteri Bianco Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: giallo paglierino di varia intensità
Profumo: vinoso, gradevole e delicato
Sapore: asciutto o leggermente abbocato, armonico e sapido
Uve utilizzate: Trebbiano Toscano, Trebbiano Giallo, Malvasia di Candia, Malvasia del Lazio
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 11,5°
Temperatura di servizio: 8 - 12°C

Proprieta' organolettiche del vino Cerveteri Bianco Doc

Il Cerveteri Bianco ha colore giallo paglierino più o meno intenso, odore vinoso, gradevole e delicato, sapore asciutto o amabile con tono leggermente amarognolo, pieno, armonico, sapido e una gradazione minima di 11 gradi. Il Cerveteri Rosso si presenta di colore rosso rubino più o meno intenso, profumo vinoso, sapore asciutto, di giusto corpo, armonico, con fondo leggermente amarognolo e ha gradazione alcolica minima di 11,5 gradi. Il Rosato si presenta con un colore rosa, più o meno intenso, odore fruttato gradevole, sapore fine delicato e armonico; la gradazione minima è di 11 gradi

Zona di produzione del vino Cerveteri Bianco Doc

Il Cerveteri Doc viene prodotto in alcuni comuni della provincia di Roma e nel comune di Tarquinia in provincia di Viterbo.

Abbinamenti di cibo al vino Cerveteri Bianco Doc

Il vino Cerveteri Bianco Doc e' un vino bianco che si abbina bene con Secondi di pesce ed in particolare Pesci d'acqua dolce.
Il Rosso va abbinato con salumi freschi, primi piatti con sughi contadini, agnello alla cacciatora, fegatelli di maiale alla griglia, involtini e scaloppine con sughi decisi; va servito a 16-18°C, in calici bordolesi, entro due anni dalla vendemmia. Il Bianco si abbina a piatti di pesce azzurro o di lago arrosto o in umido, fritture di carciofi, zucchine e melanzane, frittate e viene servito a 8-10°C in un calice di media capacità a tulipano svasato, entro un anno dalla vendemmia. Il Rosato è un vino da tutto pasto e viene generalmente associato a salumi, minestre, formaggi poco stagionati, piatti a base di uova, e servito in un calice di media capacità a tulipano ampio a una temperatura di 12-14°C, entro un anno dalla vendemmia.

Etichetta del vino Cerveteri Bianco Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Cerveteri Bianco Doc

Il vino Cerveteri Bianco Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Cerveteri Bianco Doc

Il riconoscimento della Doc 'Cerveteri' è avvenuto con DPR 30.10.74, modificato dal DPR 16.11.88. Infine il Decreto dirigenziale 04.06.96 pubblicato sulla GU del 10.07.96 ha sostituito per intero il disciplinare di produzione

Commenti