Vino Colli Romagna Centrale Doc


La Doc Colli Romagna Centrale comprende i vini delle seguenti tipologie: Bianco, Trebbiano, Rosso, Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Sangiovese. Gli ultimi quattro vini si possono produrre anche nella tipologia Riserva se invecchiati almeno 2 anni
E' un vino tipico della regione Emilia Romagna, prodotto in provincia di Forlì-Cesena. Il Bianco viene prodotto con uve Chardonnay dal 50 al 60% e per la restante parte (da soli o congiuntamente) con quelle Bombino, Sauvignon, Trebbiano e Pinot bianco. Il Rosso si produce con uve Cabernet Sauvignon dal 50 al 60% e Sangiovese, Barbera, Merlot e Montepulciano per la differenza. Lo Chardonnay e il Sangiovese si producono con il 100% dei vitigni omonimi, mentre il Cabernet Sauvignon si ottiene con un minimo dell'85% dell'uva omonima e per la restante parte possono concorrere i vitigni a bacca rossa raccomandati e/o autorizzati per la provincia di Forlì-Cesena. Il Trebbiano si ottiene per almeno l'85% dall'uva omonima e per la restante quota possono concorrere i vitigni a bacca bianca raccomandati e/o autorizzati per la provincia di Forlì-Cesena

La denominazione di origine controllata Colli Romagna Centrale è la più recente tra quelle dell'Emilia Romagna. Negli ultimi anni questa regione ha saputo rinnovare profondamente la propria immagine produttiva anche nel settore vinicolo, puntando sulla qualità con investimenti mirati, facendo ricorso alla ricerca sperimentale e affidandosi alla consulenza di seri enologi. Oggi la Romagna è considerata una delle migliori zone quanto a produzione di vini di qualità. La Doc Colli Romagna Centrale comprende i vini delle seguenti tipologie: Bianco, Trebbiano, Rosso, Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Sangiovese (anche nella tipologia Riserva).

Caratteristiche del vino Colli Romagna Centrale Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino:
Colore:
Profumo:
Sapore:
Uve utilizzate:
Invecchiamento:
Tenore alcolico:
Temperatura di servizio:

Proprieta' organolettiche del vino Colli Romagna Centrale Doc

Il Colli Romagna Centrale Bianco ha colore giallo paglierino più o meno intenso; odore intenso, delicato, fruttato; sapore asciutto, sapido, armonico; la gradazione minima è di 11°C. Il Rosso ha colore rosso rubino intenso; odore gradevolmente erbaceo; sapore asciutto, di corpo, talvolta leggermente tannico; la gradazione minima è di 12°C (12,5 nella tipologia Riserva). Il Colli Romagna centrale Chardonnay ha colore giallo paglierino, talvolta con riflessi verdognoli; odore delicato, caratteristico, intenso; sapore asciutto, fresco, armonico; la gradazione minima è di 11,5°C (12 nella tipologia Riserva). Il Cabernet Sauvignon ha colore rosso rubino, talvolta con sfumature violacee; odore gradevolmente erbaceo; sapore asciutto, pieno, armonico; la gradazione minima è di 12°C (12,5 nella tipologia Riserva). Il Sangiovese è di colore rosso rubino intenso; odore caratteristico, che ricorda la viola mammola; sapore asciutto, armonico, caratteristico; la gradazione minima è di 12°C (12,5 nella tipologia Riserva). Il Colli Romagna centrale Trebbiano ha colore giallo paglierino più meno intenso; odore vinoso, caratteristico, gradevole; sapore asciutto, fresco, armonico; la gradazione minima è di 11,5 °C

Zona di produzione del vino Colli Romagna Centrale Doc

Il Colli Romagna Centrale Doc viene prodotto nel territorio di numerosi comuni della provincia di Forlì-Cesena.

Abbinamenti di cibo al vino Colli Romagna Centrale Doc

Il vino Colli Romagna Centrale Doc e' un vino bianco che si abbina bene con ed in particolare .
Tra i bianchi il Trebbiano si accosta bene a pancetta di Pianello, minestre in brodo, secondi piatti a base di verdure o uova; va servito in un calice di media capacità a tulipano svasato e consumato entro un anno dalla vendemmia a una temperatura tra gli 8 e i 10°C. I rossi possono essere associati a salumi, pastasciutte con sughi di carne, risotto con salsiccia, carni alla griglia e vanno serviti in calici bordolesi o ballon a seconda dell'invecchiamento a una temperatura di 16-18°C.

Etichetta del vino Colli Romagna Centrale Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Colli Romagna Centrale Doc

Il vino Colli Romagna Centrale Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Colli Romagna Centrale Doc

Il riconoscimento della Doc 'Colli Romagna Centrale' è avvenuto con DM 29.09.01 pubblicato sulla GU n. 244 del 19.10.01

Commenti