Vino Albana di Romagna Passito Docg


L'Albana di Romagna Docg è un vino bianco da pasto prodotto in quattro tipologie: Secco, Amabile, Dolce e Passito
E' un vino tipico della regione Emilia Romagna, prodotto in provincia di Forlì. L'Albana di Romagna si ottiene dal vitigno Albana
Vino di antichissima fama, già  noto ai tempi di Galla Placidia, deriva esclusivamente dal vitigno omonimo tipico della fascia collinare che fa capo a Bertinoro e comprende diversi comuni tra cui Castrocaro Terme e Brisighella. Recentemente è entrato a far parte dei vini classici con denominazione di origine controllata e garantita. Il tipo secco è indicato con gli antipasti misti, le minestre asciutte, i risotti, le zuppe di pesce, i piatti di uova e formaggi, il fritto alla marinara. I tipi amabile e passito sono da dessert o da bere fuori pasto come vino da conversazione.
L'Albana di Romagna è stato il primo bianco a ottenere la Docg, attribuitagli nel 1987. Questo vino, che si presenta nelle varianti Secco, Amabile, Dolce e Passito, è prodotto con le uve dell'omonimo vitigno, coltivato da Bologna fin quasi al mare. Le origini dell'Albana sono così remote da confondersi con la leggenda. Si narra che, alla figlia dell'imperatore Teodorico, Galla Placidia, di passaggio in un paesino della Romagna, venne offerto un boccale di Albana. La principessa, estasiata, dichiarò che una tale delizia doveva essere bevuta solo in calici d'oro, e così, da allora in poi, il paesino venne chiamato Bertinoro e l'Albana bevuto solo in preziose coppe. Altro grande estimatore dell'Albana di Romagna si racconta sia stato Federico Barbarossa, ma le radici storiche di questo vino sono state rintracciate nel 'Trattato d'Agricoltura' di Pier de' Crescenzi, risalente al 1200.

Caratteristiche del vino Albana di Romagna Passito Docg

Denominazione: Docg
Tipologia di vino: Liquoroso secco
Colore: giallo paglierino tendente al dorato
Profumo: delicato, fruttato, tipico del vitigno
Sapore: secco o più o meno amabile secondo i tipi
Uve utilizzate: Albana
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 12° il secco 12,5° l'amabile
Temperatura di servizio: 8 - 12 °C

Proprieta' organolettiche del vino Albana di Romagna Passito Docg

Di colore giallo paglierino tendente al dorato e all'ambrato per la versione Passito, l'Albana di Romagna all'esame olfattivo presenta profumo caratteristico e intenso; il sapore è caldo, armonico e leggermente tannico nella versione Secco; dolce, fruttato e gradevole nelle versioni Amabile e Dolce; gradevolmente amabile o dolce e vellutato nel Passito; la gradazione minima è di 11,5 gradi per il Secco, 12 per il Dolce e l'Amabile e di 15,5 gradi per il Passito

Zona di produzione del vino Albana di Romagna Passito Docg

Di colore giallo paglierino tendente al dorato e all'ambrato per la versione Passito, l'Albana di Romagna all'esame olfattivo presenta profumo caratteristico e intenso; il sapore è caldo, armonico e leggermente tannico nella versione Secco; dolce, fruttato e gradevole nelle versioni Amabile e Dolce; gradevolmente amabile o dolce e vellutato nel Passito; la gradazione minima è di 11,5 gradi per il Secco, 12 per il Dolce e l'Amabile e di 15,5 gradi per il Passito.

Abbinamenti di cibo al vino Albana di Romagna Passito Docg

Il vino Albana di Romagna Passito Docg e' un vino bianco che si abbina bene con Dessert ed in particolare Dolci al cucchiaio.
L'Albana di Romagna Secco, il cui periodo ideale di consumo è entro due anni dalla vendemmia, va servito a una temperatura di 10-12°C in calici per vini bianchi di corpo. Si abbina bene a piatti a base di pesce e frutti di mare, ma anche a frittate alle erbe, lumache e formaggi giovani a pasta molle. Le varietà Amabile, Dolce e Passito vanno invece consumate a fine pasto, con la frutta e il dessert, servite in calici piccoli. Un abbinamento particolarmente indicato è quello dell'Albana di Romagna Passito con la ciambella, la classica torta con il buco, appena indurita.

Etichetta del vino Albana di Romagna Passito Docg

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata e Garantita accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Albana di Romagna Passito Docg

Il vino Albana di Romagna Passito Docg si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Albana di Romagna Passito Docg

La Docg Albana di Romagna è stata riconosciuta con DPR del 13.04.1987 pubblicato sulla GU del 20.10.1987

Commenti