Vino Fiano di Avellino Doc


Il Fiano di Avellino Docg è un ottimo vino bianco da pasto
E' un vino tipico della regione Campania, prodotto in provincia di Avellino. È ottenuto esclusivamente dal monovitigno Fiano a cui possono essere aggiunte le uve dei vitigni Greco, Coda di Volpe bianca e Trebbiano Toscano.
La zona di produzione comprende i comuni di Avellino, Atripalda, Cesinali, Mercogliano e Lapio. All'uva Fiano sono consentite aggiunte di altre uve bianche locali fino a un massimo del 15%. Vino molto aristocratico predilige le preparazioni di grande cucina, specie antipasti di crostacei e molluschi, paste con il pesce, pesci alla griglia, sformati di verdure.
Il vitigno Fiano, da cui si ottiene questo superbo vino che nel 2003 ha ottenuto la Docg, è uno tra i vitigni autoctoni più antichi della regione e d'Italia dal momento che le sue origini si fanno risalire addirittura ai Fenici. L'area di produzione (che si estende a 26 comuni della provincia di Avellino) comprende il territorio storico del comune di Lapio (l'antica Apianum), dove i Greci piantarono il vitigno per la prima volta. L'etimologia di Apianum riporta alle api che, secondo la leggenda, erano e sono particolarmente attratte dalla dolcezza delle uve, dotate di un'alta percentuale di zuccheri. Il disciplinare di produzione prevede l'uso del monovitigno Fiano, con l'eventuale aggiunta di uve Greco, Coda di Volpe bianca e Trebbiano toscano. Dalle uve raccolte a novembre i produttori ricavano un vino dal colore più intenso e carico e dal sapore fruttato di nocciola tostata. È uno dei pochi vini bianchi idonei a un prolungato invecchiamento.

Caratteristiche del vino Fiano di Avellino Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: giallo paglierino
Profumo: bouquet fiorito, elegante, continuo
Sapore: secco, armonico, molto fine e distinto
Uve utilizzate: Fiano
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 11,5°
Temperatura di servizio: 8 - 12°C

Proprieta' organolettiche del vino Fiano di Avellino Doc

Ha un colore giallo paglierino; odore intenso, persistente, fruttato (sentori di nocciole tostate); sapore secco, caldo, abbastanza morbido, sapido, equilibrato, di corpo, con sensazione piacevole di nocciole tostate, per una gradazione minima di 11,5°C

Zona di produzione del vino Fiano di Avellino Doc

Comprende i Comuni di Atripalda, Avellino, Cesinali, Aiello del Sabato, Santo Stefano del Sole, Sorbo Serpico, Salza Irpina, Parolise, San Potito Ultra, Candida, Manocalzati, Pratola Serra, Montefredane, Grottolella, Capriglia Irpina, Sant'Angelo a Scala, Summonte, Mercogliano, Forino, Contrada, Lapio, Monteforte Irpino, Ospedaletto d'Alpinolo, San Michele di Serino, Santa Lucia di Serino e Montefalcione, tutti in provincia di Avellino.

Abbinamenti di cibo al vino Fiano di Avellino Doc

Il vino Fiano di Avellino Doc e' un vino bianco che si abbina bene con Antipasti ed in particolare Stuzzichini.
Il Fiano di Avellino, dal colore giallo paglierino, si serve in tavola alla temperatura di 12 gradi d'estate e 14 gradi d'inverno in calici per vini bianchi di corpo, di media capacità a tulipano ampio. Il suo gusto secco e armonico è perfetto per assaporare piatti abbastanza strutturati: crostacei alla griglia, scampi salsati, polpo alla napoletana, primi piatti al sugo di pesce e verdure, pesci di mare pregiati al forno, filetti di rombo al vino con tartufo bianco, formaggi giovani. Si deve stappare entro due anni dalla vendemmia ma può essere vantaggiosamente conservato anche per 5-6 anni.

Etichetta del vino Fiano di Avellino Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata e Garantita accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Fiano di Avellino Doc

Il vino Fiano di Avellino Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Fiano di Avellino Doc

La Docg Fiano di Avellino è stata riconosciuta con decreto del 18.07.03 pubblicato sulla GU n.180 del 05.08.03. Il riconoscimento della Docg ha revocato la Doc Fiano di Avellino riconosciuta con DPR del 27.04.1978 pubblicato sulla GU del 29.08.1978, successivamente modificato con DM del 30.11.1991 pubblicato sulla GU del 14.12.1991

Commenti