Vino Capri Bianco Doc


Il Capri Doc è un vino da pasto prodotto nelle tipologie Bianco e Rosso
E' un vino tipico della regione Campania, prodotto in provincia di Napoli. La tipologia Capri Bianco si ottiene dalle uve provenienti dai vitigni Greco (massimo 50%), Falanghina (40-50%); con l'eventuale aggiunta di Biancolella (massimo 20%). Per il Rosso si utilizza invece l'uva Piedirosso per almeno l'80% con l'eventuale aggiunta di altri vitigni a frutto rosso
Si produce nei territori vitati dell'isola di Capri con uve Greco e Falanghina per almeno l'80%; il resto può essere completato da Biancoletta o Fiano. Eccellente e fine aperitivo, è specialmente indicato per gli antipasti a base di frutti di mare, i primi piatti con salse leggere e le portate di pesce in bianco.
Tra i pendii rocciosi di Capri, l'imperatore romano Tiberio stabilì dal 38 d.C. la sua dimora estiva, colpito dalla bellezza del mare e dalla mitezza del clima. Tiberio arricchì Capri di un suo Olimpo personale fatto di dodici templi dedicati a tutte le divinità greche. Il vino che porta il nome dell'isola fu l'ultima scoperta dell'imperatore, e gli valse il soprannome di Biberio, con cui i Romani scherzosamente lo chiamarono fino al giorno della sua morte. Sulle rovine delle ville romane i contadini piantarono poi altri vitigni da cui derivano vini che hanno reso famosa ancor di più questa bellissima isola del Tirreno. Il Capri Doc si produce nelle tipologie Bianco e Rosso.

Caratteristiche del vino Capri Bianco Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: paglierino chiaro
Profumo: fine, aristocratico, caratteristico
Sapore: asciutto, fresco, delicato
Uve utilizzate: Falanghina, Greco
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 11°
Temperatura di servizio: 8 - 12°C

Proprieta' organolettiche del vino Capri Bianco Doc

Nella versione Bianco, il Capri Doc ha un colore giallo paglierino chiaro, odore intenso, abbastanza persistente, fruttato (frutta acerba, mela), floreale (fiori di acacia), con sottili note di agrumi; sapore asciutto e fresco, abbastanza morbido, sapido, di corpo, equilibrato, con piacevole sensazione finale amarognola. La gradazione alcolica minima è di 11°C. Il Capri Rosso invece ha un colore rubino più o meno intenso, odore gradevolmente vinoso e sapore asciutto e sapido. La gradazione minima è di 11,5°C

Zona di produzione del vino Capri Bianco Doc

Comprende l'intero territorio dell'isola di Capri.

Abbinamenti di cibo al vino Capri Bianco Doc

Il vino Capri Bianco Doc e' un vino bianco che si abbina bene con Secondi di pesce ed in particolare Frutti di mare crudi e cotti.
Il Capri Doc Bianco va servito in calici di media capacità a tulipano svasato, alla temperatura di 12-14°C. Il periodo ottimale di consumo è entro due-tre anni dalla vendemmia. È un vino da pesce, particolarmente indicato per accompagnare la zuppa di vongole o le alici gratinate alla napoletana, ma adatto anche ad accompagnare la caprese (mozzarella, pomodoro e basilico). Il Rosso è un vino da carni rosse e bianche, pesce al sugo (polpo), prelibato anche in combinazione con minestre regionali o formaggi quali il provolone del monaco.

Etichetta del vino Capri Bianco Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Capri Bianco Doc

Il vino Capri Bianco Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Capri Bianco Doc

La Doc Capri è stata riconosciuta DPR del 07.09.1977 pubblicato sulla GU del 14.12.1977.

Commenti