Vino Pollino Doc


Il Pollino Doc è un vino da pasto prodotto anche nella tipologia Superiore
E' un vino tipico della regione Calabria, prodotto in provincia di Cosenza. Si produce con uve Gaglioppo per almeno il 60%, Greco nero, Malvasia bianca, Montonico bianco e Guarnaccia bianca per almeno il 20%. Possono concorrere uve a bacca bianca ma per un massimo del 20%. Ha una gradazione minima di 12°C. Se ha una gradazione minima di 12,5°C e un invecchiamento di due anni può essere qualificato in etichetta come 'Superiore'
Vitigni: nero, Malvasia bianca, Montonico bianco, Guarnaccia bianca Invecchiamento: 2 anni il superiore Si produce a Castrovillari, San Basile, Saracena, Cassano allo Ionio, Civita e Frascineto. E' un vino da tutto pasto, specialmente indicato per gli umidi di carni varie, i piatti a base di funghi e i formaggi stagionati.
La coltivazione della vite in Calabria risale al tempo dei Greci, i quali, fin dall'VIII secolo a.C., individuarono sui litorali dell'Enotria, cioè terra del vino, le zone vocate alla vite e diedero impulso, con i loro vitigni e con le loro pratiche enoiche, a una ottima produzione. La Calabria offre, inoltre, le prime testimonianze di una imponente e organizzata esportazione del vino verso nord e ovest. Le uve che compongono il Pollino, della tipologia a bacca rossa più coltivata nella regione, sono anch'esse probabilmente di origine greca, anche se non ci sono certezze in proposito.

Caratteristiche del vino Pollino Doc

Denominazione: Doc
Tipologia di vino: Secco fermo
Colore: rosso rubino o cerasuolo
Profumo: vino, intenso, caratteristico
Sapore: asciutto, pieno, armonico e vellutato
Uve utilizzate: Gaglioppo, Greco Nero, Malvasia Bianca, Montonico Bianco, Guarnaccia Bianca
Invecchiamento: -
Tenore alcolico: 12° 12,5° il superiore
Temperatura di servizio: 18°C

Proprieta' organolettiche del vino Pollino Doc

Il Pollino ha un colore rosso rubino tenue o cerasuolo e un profumo piuttosto intenso e persistente, fruttato, con sentori di prugne e ribes; ha un sapore secco, caldo, abbastanza morbido, poco fresco, giustamente tannico, abbastanza sapido, di corpo, equilibrato

Zona di produzione del vino Pollino Doc

La zona di produzione del Pollino Doc comprende i comuni di Castrovillari, Civita, San Basile, Saracena, Cassano allo Ionio e Frascineto, tutti in provincia di Cosenza.

Abbinamenti di cibo al vino Pollino Doc

Il vino Pollino Doc e' un vino rosso che si abbina bene con Secondi di carne bovina ed in particolare Carni bovine bianche e rosse arrostite.
Il Pollino, per essere gustato al meglio, va consumato entro due, tre anni dalla vendemmia (quattro per la categoria Superiore), a una temperatura di 16-18 °C, in calici bordolesi o ballon. Si abbina a preparazioni piuttosto strutturate, come costolette di agnello alla calabrese, capretto ripieno al forno, carni bianche arrosto, coniglio al forno con aromi, ma si sposa ottimamente anche a piatti di formaggi e salumi regionali, come il caciocavallo silano stagionato, il pecorino, la ricotta calabrese, il capocollo, la salsiccia e la soppressata di Calabria.

Etichetta del vino Pollino Doc

Ogni etichetta deve riportare la menzione della Denominazione di Origine Controllata accanto a tutte le altre indicazioni previste per legge, quali: Regione determinata da cui proviene il prodotto; Denominazione del prodotto costituita dall'abbinamento della varietà di vite da cui proviene il vino e dalla zona geografica in cui tale varietà è coltivata; Volume nominale del vino; Nome o ragione sociale e sede dell'imbottigliatore; Numero e codice imbottigliatore, che può apparire anche sul sistema di chiusura (tappo o capsula) Nome dello Stato; Indicazione del lotto; Indicazioni ecologiche.

Reperibilita' sul mercato del vino Pollino Doc

Il vino Pollino Doc si trova in commercio in ogni periodo dell'anno.

Leggi relative al vino Pollino Doc

La Doc è stata riconosciuta con DPR del 04.06.1975 pubblicato sulla GU del 03.11.1975

Commenti