Scopri tutte le tipologie di bottiglie di vino!

 

 

Un ottimo amatore di vino, non può non conoscere a fondo tutte le tipologie di bottiglie presenti sul mercato. Ce ne sono una marea e tutte hanno forme estremamente diverse. Ognuna ha la sua storia ma anche il colore non è da sottovalutare. Quest’ultimo, infatti, è molto importante e ha un determinato significato poiché il vino deve essere protetto dalla luce in maniera efficace.

 

 

Tutti i vini che devono essere consumati in un determinato periodo di tempo, possibilmente breve, possono essere tranquillamente conservati in bottiglie di vetro trasparente. Quelli ideali per l’invecchiamento, invece, dovranno essere protetti con il vetro scuro.

 

 

 

La bottiglia più conosciuta è, senza ombra di dubbio, la champagnotta. Si tratta di una bottiglia caratterizzata da un vetro particolarmente spesso e dal fondo molto pronunciato. Questo genere di bottiglia è utilizzata soprattutto per i vini in cui è presente anidride carbonica.

 

La seconda bottiglia più usata è la champagnotta prestige cuvée perfetta per prodotti come spumanti, champagne e millesimati. La borgognona è una bottiglia originaria della Borgogna ed è studiata per evitare la fuoriuscita di deposito quando di decanta il vino.

 

L’alsaziana, invece, è studiata per ospitare quasi sempre dei vini bianchi mentre la renana è ideale per tutte le tipologie di vino che non prevedono la formazione di depositi. Inoltre anche questo tipo di bottiglia è adatta per i vini bianchi.

 

 

Tra le bottiglie più conosciute, c’è sicuramente l’anfora che, oltre ad essere tipica della Provenza, è utilizzata per i vini bianchi marchigiani a base di Verdicchio. La bordolese è una delle bottiglie più usate in generale.

E’ ideale per i vini bianchi e anche per i rossi e, in più, la sua spalla pronunciata serve ad evitare la fuoriuscita di depositi. C’è anche la bordolese a spalla alta che è una variante della precedente, usata per vini bianchi e rossi di maggior prestigio.