Abbinare il vino al pollo al curry

 

Il pollo al curry è un piatto amato da tantissime persone. Ovviamente anche per questa pietanza c’è il giusto abbinamento per il vino. Iniziamo col dire che si tratta di un piatto abbastanza piccantino, sapido e speziata che è ideale soprattutto se accompagnato a vini bianchi fermi.

 

Inoltre il vino dovrebbe essere ricco di note aromatiche, in modo da rendere l’abbinamento vivace e particolarmente piacevole al palato. In questo modo, si avrà un vero e proprio tripudio di sapori: uno dei vini migliori per riuscire in quest’impresa è, senza ombra di dubbio, un Traminer Aromatico.

 

Può andare bene anche un vino bianco dai sapori tranquilli e pacati. La cosa migliore è optare per un vino secco e con un buon grado di acidità, in modo da fare da base a tutte le acrobazie provocate dal gusto del pollo al curry. A tal proposito, un vino adatto proprio per questo genere di sensazioni è il Bianco d’Alcamo.

 

Può andare più che bene anche un Cortaccia 2007 che, oltre ad essere molto corposo, ha delle caratteristiche tipiche del vitigno. Il suo colore è oro e ha un sentore di rosa e miele selvatico. Il suo bouquet tipico è quello fruttato e il gusto è davvero pieno: la sua persistenza aromatica è particolarmente prolungata.

 

 

 Per quanto riguarda la gradazione alcolica è pari a 14% mentre la temperatura ideale per poter usufruire totalmente del servizio è di circa 12 gradi. Per quanto concerne il Bianco d’Alcamo, è ideale un Firriato 2007 Alcamo DOC che ha un colore giallo dorato ed è caratterizzato da sentori delicati di pera e mandorla: questi sapori delicati si accompagnano a una freschissima acidità.

 

 Il grado alcolico è 13% mentre la temperatura per il servizio è compresa tra i 12 e i 14 gradi. In ogni caso, la cosa migliore è puntare su vini che abbracciano l’intera penisola.