Quanto a lungo si può conservare una bottiglia di vino rimasta aperta

Se dopo una cena avanza una bottiglia di vino aperta è possibile conservarla senza comprometterne la qualità? E se si: in che modo e per quanto tempo? Questa è la domanda che si pongono molti profani del vino. Soprattutto se la bottiglia è pregiata è infatti un vero peccato buttarla.

Partiamo dal concetto che il vino a contatto con l'aria si trasforma: questo è anche alla base della decantazione del resto.

Se però inizialmente l'ossigeno tende ad ammorbidire i sapori aprendo gli aromi, con il passare delle ore (e in questo caso anche dei giorni) la procedura rischia di degenerare trasformando il colore e il sapore del vino fino a renderlo praticamente imbevibile. Si tratta comunque di una trasformazione graduale che dipende molto anche dalla qualità e dalla tipologia del vino e che, con qualche strumento che costa pochi euro o con qualche accortezza, può essere senza dubbio rallentata.

Esistono ad ogni modo dei sistemi atti a ritardare l'ossigenazione del vino. Non serve spendere una fortuna. Il primo consiglio è senza dubbi quello di tenere il vino tappato per ridurre il contatto con l'aria. Ancora meglio se si tratta di un tappo a pressione. Esistono poi anche gadget appositi per aspirare aria dalla bottiglia. Anche se si tratta di vino rosso in questi casi è meglio conservare la bottiglia aperta in frigo, anche se questo in inverno ovviamente è impossibile. Ovviamente in caso di vino rosso la bottiglia andrà poi tirata fuori circa un'ora prima di quando si intende consumarla. Questo è vero perchè il freddo rallenta il processo di ossigenazione.

Una regola temporale piuttosto diffusa è quella dei tre giorni. In linea di massima inoltre possiamo notare che:

maggiore è la qualità del vino e migliore la sua capacità di conservarsi (in alcuni casi il secondo giorno si degustano ancora meglio); la capacità di conservazione è inoltre direttamente proporzionale al grado alcolico (i vini passiti sopra i 15 gradi possono conservarsi intatti perfino per settimane).

Esistono infine dei rimedi casalinghi da smontare perché basati su falsi miti e luoghi comuni. Il più diffuso è quello che vuole una goccia d'olio nella bottiglia per bloccare il contatto con l'aria. L'olio in realtà compromette la qualità del vino quindi è assolutamente da evitare.