Come scegliere l'annata del vino

Annata del vino

L'annata di un vino si riferisce all'anno di raccolta dell'uva, che non sempre coincide con l'imbottigliamento.

I fattori climatici che influenzano la qualità dell'uva, e di conseguenza del prodotto finale, sono molteplici e cambiano di regione in regione (pensiamo ad esempio alla vicinanza all'oceano) ma possono cambiare anche di anno in anno. In questa ultima categoria rientrano variabili come l'abbondanza di piogge, le ore di luce giornaliere, i venti etc. Le differenze di anno in anno si notano soprattutto nelle regioni fredde.

in linea generale nell'ultimo decennio le annate migliori per i vini italiani sono state quella del 2008 e soprattutto quella precedente, il 2007. In annate di questo livello anche i produttori mediocri o più piccoli riescono a regalare buone sorprese mentre nelle annate più sfortunate è la tecnologia e la bravura del produttore a fare la differenza nel migliorare le materie prime e limitare i danni. Ma quest'informazione non va presa alla lettera perchè non esiste un'annata buona in assoluto: molto dipende dal tipo di vino  che si considera. Un'annata buona per un vino può non esserlo per un altro e viceversa. Questo va precisato perché purtroppo dietro l'alibi della buona annata si nascondono anche speculazioni e vini non pregiati venduti ad un prezzo decisamente superiore alle qualità.

Ovviamente il discorso non vale per vini mischiati, ottenuti con più vini: in caso contrario sull'etichetta si può leggere l'annata e si dice che la bottiglia è millesimata.

Può accadere che un vino pregiato che subisce un'annata sfortunata venga commercializzato con un altro nome per non rovinarne la reputazione.

L'annata rileva anche da un altro punto di vista, ovvero quello dell'invecchiamento: ci sono infatti vini che richiedono un invecchiamento più lungo e altri più leggeri e giovani.

Sicuramente, documentandosi in internet o ancora meglio chiedendo la consulenza di un enologo, è possibile scegliere la bottiglia giusta, per sè o per un regalo, anche in base all'annata.

L'Unione dei Consumatori è in lotta proprio per imporre l'obbligo di specificare l'annata: in commercio esistono troppe bottiglie, soprattutto di bianco, che non riportano questa indicazione. Questo rappresenta un doppio svantaggio per chi compra perchè non può scegliere l'annata che preferisce e perchè non può rendersi conto da quanto tempo il vino è in bottiglia, magari esposto alla luce e agli sbalzi di temperatura.

Ovviamente questi criteri non valgono solo quando si deve comprare una bottiglia ma anche quando si deve ordinare un buon vino al ristorante per una sera formale o galante.